La verifica termografica nel campo dell’impiantistica.

Caratteristiche e ambiti d’applicazione dell’analisi termografica

Capace di individuare rapidamente problematiche invisibili a occhio nudo, la termocamera è uno strumento essenziale nell’analisi di edifici, impianti, macchinari e così via. La verifica termografica permette infatti di evidenziare difetti sia negli elementi che producono calore, come ad esempio i quadri elettrici, sia negli elementi che cedono calore, quali gli edifici, i condotti del riscaldamento e molto altro ancora.

La termocamera a infrarossi, dunque, è in grado di mostrare esattamente dove risiedono i problemi non visibili ad occhio nudo e contribuisce a diagnosticare correttamente le aree soggette a perdite energetiche e difetti di funzionamento. Strumento irrinunciabile tanto nell’impiantistica, quanto nelle industrie, laboratori e nell’edilizia, la termocamera permette di “vedere” le temperature di un corpo senza la necessità di contatto fisico, garantendo la non-invasività e distruttività dei controlli.

Gli ambiti di applicazione della termocamera, dunque, sono disparati e possono essere raggruppati in due macro-aree, ovvero l’impiantistica e l’edilizia. Ecco cosa sono in grado di fare questi strumenti in ciascuno dei due ambiti.

La verifica termografica nel campo dell’impiantistica permette di:

–    individuare problematiche nel funzionamento di un impianto, di una macchina, di un isolamento, di un quadro elettrico, di una scheda elettronica e così via;
–    rendere più sicuro il ciclo di produzione e la salvaguardia degli addetti ai lavori, riducendo il rischio di incendio di macchine, attrezzature e immobili;
–    evitare i periodi di inattività non programmata, riducendo le interruzioni della produzione provocate da guasti;
–    verificare la funzionalità ed efficienza degli impianti;
–    rilevare surriscaldamenti anomali delle attrezzature, permettendo la manutenzione preventiva;
–    non interrompere la produzione durante l’indagine termografica.

Nel campo dell’edilizia, invece, l’analisi termografica permette di:

–    evidenziare le criticità legate a un edificio, anche quelle non visibili a occhio nudo, come ad esempio difetti d’isolamento, presenza di ponti termici, esistenza di dispersioni termiche, presenza di condense, muffe e umidità e così via;
–    individuare gli interventi necessari per diminuire i consumi energetici per riscaldamento o per condizionamento;
–    verificare la funzionalità ed efficienza dell’impianto elettrico;
–    analizzare architettonicamente la struttura sotto intonaco di un edificio;
–    individuare problematiche nascoste, come per esempio perdite o infiltrazioni d’acqua;
–    localizzare tubazioni dell’impianto di riscaldamento senza alcuna demolizione della pavimentazione;
–    possibilità di programmare interventi di manutenzione dell’edificio stesso grazie a controlli non invasivi e non distruttivi. 

Quanto tempo serve per realizzare tutto questo? Il tempo necessario per un’ispezione termografica varia in funzione del tipo di analisi che si deve effettuare, ma in tutti i casi si tratta di un’operazione rapida che varia dai pochi minuti a qualche decina di minuti; inoltre, durante l’ispezione, non è necessario disabilitare gli impianti perché l’indagine termografica non è invasiva e non comporta alcun rischio per le cose, per gli oggetti e per le persone.
 

Black Friday

20% Off Sitewide

Giorno(s)

:

Ore(s)

:

Minuto(i)

:

Second(s)

Related Posts

Il Direttore dei Lavori, le responsabilità.

Il direttore dei lavori Il direttore dei lavori è una figura di ausilio tecnico specifica per la committenza. Potrebbe essere ritenuto responsabile se l'opera non è eseguita a regola d'arte. Il Direttore dei Lavori deve tutelare gli interessi della Committenza nei...

Richiedi subito un preventivo con progettazione GRATUITA!

Non esitate a contattarci per richiedere un preventivo gratuito e/o con un sopralluogo dell’immobile (clicca qui per una richiesta senza impegno). Offriamo inoltre “Gratis” Consulenza totale e Progettazione”   (clicca qui per una richiesta)  in fase di preventivo per...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *